YogAssisi > Blog  > Il ritmo del respiro influenza la memoria e la paura

Il ritmo del respiro influenza la memoria e la paura

La respirazione non è solo per l’ossigenazione; ora è collegata alla funzione e al comportamento del cervello.

Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno scoperto per la prima volta che il ritmo della respirazione crea una attività elettrica nel cervello umano che migliora i giudizi emotivi e il richiamo della memoria.

Questi effetti sul comportamento dipendono in modo critico dal fatto che inspiri o espiri e che tu respiri attraverso il naso o la bocca.

Nello studio, gli individui sono stati in grado di identificare più rapidamente un viso spaventoso se hanno incontrato il viso durante l’inspirazione rispetto all’espirazione. Gli individui avevano anche maggiori probabilità di ricordare un oggetto se lo incontravano sul respiro inalato rispetto a quello espirato. L’effetto è scomparso se la respirazione era attraverso la bocca.

Fonte: https://neurosciencenews.com/memory-fear-breathing-5699/

Iscriviti alla newsletter mensile

Per ricevere informazioni sulle energie del mese e meditazioni per viverci in armonia e con la giusta vitalità, anteprime promozioni in merito ai corsi, ai ritiri, allo YogAssisi Festival e alle consulenze individuali e trovare ispirazione per il tuo meraviglioso percorso di trasformazione nella donna che desideri essere/divenire.

Gian Maria Turi

Brahman Sat Jagan Sat