YogAssisi > Blog  > Trasformare le emozioni in devozione
La mia storia. Kundalini Yoga

Trasformare le emozioni in devozione

Le emozioni sono parte integrante della nostra vita. Ti sarà capitato, a volte, di sentirti guidata da esse. Come ti sei sentita? Dove ti hanno portato?

Nella mia esperienza, se si vive e ci si relaziona in base alle emozioni, la vita diventa una pericolosa altalena alla ricerca di sensazioni o sentimenti, soprattutto se ci si identifica con essi, siano piacevoli o spiacevoli.

L’altalenare delle emozioni causa un perenne tumulto interiore, confusione che spesso crea un’attitudine distruttiva, verso se stesse, le relazioni o progetti.

Il Kundalini Yoga mi ha salvata da questa pericolosa e distruttiva altalena; è stato ed è un processo di guarigione!

Quando sono stata in grado di canalizzare consapevolmente le emozioni, le ho usate come strumento per osservare il flusso continuo dell’energia vitale e direzionarlo verso il mio benessere.

“La trasformazione della coscienza nella direzione del controllo si ottiene con lo studio dei momenti di silenzio fra il sorgere delle impressioni subliminali e il loro controllo” – III.9 Sutra di Patanjali

Come si formano le emozioni?

Secondo gli scienziati abbiamo circa 60.000 pensieri al giorno, circa uno al secondo: una enormità! E la cosa ancora più stupefacente è che di questi 60.000 pensieri il 95% sono gli stessi pensieri di ieri, e del giorno prima, e di quello ancora prima. La mente è come un registratore che ascolta lo stesso disco all’infinito. Ma puoi decidere di non essere alla mercé delle tue emozioni e diventare consapevole che è il tuo cervello che le crea, guarda questo video, io l’ho trovato molto interessante!

Anche secondo la filosofia yogica, i pensieri possono suscitare una sensazione che il sistema nervoso elabora e trasforma in sentimenti e tra milioni di sentimenti si rischia di identificarsi  con alcuni di essi, e diventano ciò che chiamiamo tumulti emotivi.

Emozione vs. devozione

Per ogni emozione che provi puoi scegliere cosa farne: seguirla, filtrarla o lasciarla andare.

In ogni momento puoi riscrivere la tua vita, leggi qui come puoi iniziare.

La consapevolezza, l’intuito e l’intelligenza sono necessarie per decidere come agire e non reagire alle emozioni; richiede un atto di volontà costante.

Il sistema nervoso interconnette il corpo e la mente: è il canale fisiologico primario in cui fluiscono le informazioni attraverso i nervi spinali che portano le informazioni al cervello. Per questo secondo la tradizione del Kundalini Yoga è bene avere una colonna vertebrale sana e flessibile: per rafforzare il sistema nervoso, evitare ristagni energetici e espandere la capacità di provare emozioni senza esserne sopraffatte.

L’impegno in una pratica quotidiana strutturata rafforza la volontà e la capacità di dirigere il flusso della propria vita verso la saggezza interiore.

Quando canalizziamo la nostra emozione verso il nostro benessere consapevole, abbiamo la possibilità di trasformarla in devozione.

L’emozione, in genere, non porta da nessuna parte, è di breve durata, attiva velocemente il sistema endocrino che rilascia ormoni che, poi, impiegano ore o giorni a dileguarsi.

La devozione, è qualcosa che puoi coltivare istante dopo istante per tutta la vita. Se onori te stessa le tue scelte saranno senza ricatti emotivi, autosvalutazione o senso di non appagamento.

Il Kundalini Yoga per il tuo benessere

Trasformare le emozioni in devozioneLe sequenze del Kundalini Yoga sono chiamati kriya, che significa “azione completa”: ogni kriya contiene un intero cammino che allinea perfettamente la postura, il respiro, lo sguardo e il suono per raggiungere un determinato obiettivo di benessere e rafforzare il sistema nervoso.

Il corpo è uno strumento meraviglioso che reagisce a ogni stimolo. E il Kundalini Yoga, attraverso i movimenti e le meditazioni permette lo svelarsi del tuo sé per trovare il tuo potenziale, la tua vitalità e raggiungere le tue virtù. Non c’è nulla da cercare fuori.

Da dentro puoi sperimentare il senso di appartenenza universale. Lo spazio devozionale è il luogo più elevato per essere in una relazione consapevole con tutti gli esseri, a partire dal proprio sé.

“L’esistenza del passato e del futuro è reale come quella del presente. Lo scivolare dei momenti nei movimenti che devono ancora apparire come futuro influenza la qualità della conoscenza nell’intelletto e nella coscienza” – IV.12 Sutra di Patranjali

Prova questo breve kriya per bilanciare lo stato emotivo e trasformarlo in devozione con 3 posizioni.

Sii radicata e in ascesa, sicura e ispirata.

Tu già conosci la potenza energetica del Kundalini Yoga? Ti va di raccontarmi la tua esperienza?

Iscriviti alla newsletter mensile

Per ricevere informazioni sulle energie del mese e meditazioni per viverci in armonia e con la giusta vitalità, anteprime promozioni in merito ai corsi, ai ritiri, allo YogAssisi Festival e alle consulenze individuali e trovare ispirazione per il tuo meraviglioso percorso di trasformazione nella donna che desideri essere/divenire.

Agiapal Kaur

Vivere gli uni per gli altri nella Grazia è la mia aspirazione.