Contro lo stress e il conflitto interiore

Meditazione

Compilando il form di iscrizione alla Newsletter potrai essere aggiornata su tutte le nostre attività in Umbria e in Italia.

Gli yogi hanno da tempo riconosciuto che il miglior processo decisionale ha luogo quando gli emisferi destro e sinistro del cervello sono bilanciati e sincronizzati. Poiché il cervello sinistro si interroga e il cervello destro accetta, i processi di pensiero analitico e creativo di un individuo sono più efficaci quando viene raggiunto uno stato di equilibrio nella neutralità. Lo yoga e la meditazione sono tecnologie efficaci per eliminare il disordine del chiacchiericcio incessante della mente e per raggiungere uno stato di quiete interiore in cui l’intuizione fluisca e si possano trovare soluzioni anche ai problemi più difficili.

Questa meditazione equilibra il cervello e allevia lo stress. Ci vogliono solo tre minuti ma può avere un effetto profondo. Risolve molti conflitti interiori, specialmente quando i conflitti provengono da diversi livelli del tuo essere: bisogni spirituali contro bisogni mentali e bisogni mentali contro bisogni fisici. La consapevolezza di sé, o il senso di integrità, è l’effetto coerente e sincronico della rete che connette le principali aree del cervello, ossia:

  • la consapevolezza corporea
  • la consapevolezza emotiva
  • la consapevolezza mentale, razionale e intuitiva.

Un armonico sviluppo di queste dimensioni umane è fondamentale per il benessere psicofisico e per la felicità.

Posizione: Siedi in posizione comoda (con le gambe incrociate) o siedi sopra una sedia e mantieni i piedi ben appoggiati a terra, la schiena dritta.

Mudra: Metti le mani nel mudra della preghiera davanti al cuore, gli avambracci formano una linea retta parallela al terreno e aprile le dita di entrambe le mani: solo i polpastrelli rimangono a contatto. I pollici sono allungati all’indietro e puntano verso il busto. Le dita sono leggermente piegate a causa della pressione, usa la stessa pressione tra le due mani.

La meditazione usa questo mudra per fare pressione sui 10 punti meridiani delle dita correlati alle zone del cervello nei due emisferi. La pari pressione provoca una comunicazione e coordinazione tra i due emisferi del cervello.

Occhi: Fissa gli occhi sulla punta del naso.

Respirazione: Inspira lentamente e profondamente attraverso il naso. Espira attraverso le labbra arrotondate con otto piccoli espiri uguali ed enfatici. Ad ogni espirazione, tira forte l’ombelico in dentro e in alto (se sei nei primi tre giorni di mestruazioni o sospetti una gravidanza non pompare l’ombelico).

L’inalazione profonda dona resistenza e ossigena ogni cellula del corpo. L’espirazione attraverso la bocca rafforza il sistema parasimpatico donando calma e capacità di reazione allo stress, stimola l’ipofisi per ottimizzare la chiarezza mentale, l’intuizione e le capacità decisionali.

Tempo: Continua per 3 minuti. Puoi costruire la pratica lentamente fino a 11 minuti se hai già esperienza del Kundalini Yoga.

Per terminare inspira profondamente, trattieni dai 10 ai 30 secondi ed espira. Inspira di nuovo e agita le mani sopra la testa. Rilassati.

Gian Maria Turi

Brahman Sat Jagan Sat

Data

19/12/2019

Tags

conflitti interiori, meditazione, stress