Aumenta la tua vitalità

Yoga

Compilando il form di iscrizione alla Newsletter potrai essere aggiornata su tutte le nostre attività in Umbria e in Italia.

“Il Kundalini Yoga è il modo di dipanare te stesso per ottimizzare il tuo potenziale e la tua vitalità e per conseguire le tue virtù. Fuori non c’è niente, tu sei tutto. Sei il magazzino della tua totalità.” – Yoghi Bhajan

La vitalità è una qualità innata al nostro essere, da coltivare e liberare.
La vitalità si esprime nella nostra capacità di accogliere e gestire il flusso della vita, nella nostra facoltà intuitiva che ci guida ad agire con integrità e gentilezza.
Molte sequenze (kriya) e meditazioni del Kundalini Yoga hanno come scopo il raggiungimento di una maggiore vitalità: gradualmente si stimola l’energia all’interno dei nostri sistemi endocrino e nervoso, e si rilasciano i blocchi che trattengono il corretto fluire del prana (soffio vitale, energia universale presente in ogni organismo). Non è necessario produrre più energia, occorre invece stimolare correttamente quella già in nostro possesso, in modo efficace ed efficiente. È possibile rivitalizzarsi in soli 15-20 minuti.

Sentiamo stress o tensioni quando le nostre risorse interne sono insufficienti a gestire una situazione o un’emozione con cui entriamo in relazione, quando non siamo preparati per rispondere efficacemente alle sfide. Le neuroscienze sostengono che la conformazione del nostro corpo, i nostri modi di agire e di reagire, le nostre aspirazioni e la capacità, o l’incapacità, di realizzare i nostri desideri siano influenzati dalle strutture socio-culturali in cui nasciamo e cresciamo. Il nostro corpo può risentire quindi di cosiddetti blocchi psicosomatici, più o meno gravi, che impediscono all’energia di fluire, con conseguenze che variano dalle tensioni ai dolori e ai disturbi fisici, fino a condurci a stati di malessere psicologico o psicopatologico veri e propri.
Quando le emozioni vengono negate o bloccate, quando le paure e i traumi influenzano le capacità cognitive e del sentire, perdiamo il nostro senso di integrità.

Il Kundalini Yoga ristabilisce l’integrità e la vitalità dei nostri corpi emotivo, mentale. Ecco perché una yogini realizzata è piena di vitalità! Una prova di questa vitalità è la capacità di agire in modo consapevole e autentico senza identificarsi con il fluttuare delle emozioni, ma anche senza disconnettersi da esse. È solo con questa capacità che possiamo agire spontaneamente e focalizzate con coraggiosa gentilezza e compassione.

Ecco quindi una breve sequenza, facile ed efficace, per aumentare la vitalità stimolando l’energia del chakra dell’ombelico e diffonderla a tutti i meridiani del corpo, dal basso verso l’alto, lungo la colonna vertebrale.
Il set è adatto sia ai principianti che ai praticanti esperti. Puoi tenere ogni posizione, in base al tempo che hai, per uno, due o tre minuti (stessa durata per ogni esercizio).

Nella posizione del triangolo, se puoi mettiti in equilibrio sulle dita dei piedi, con le ginocchia dritte ma non rigide. Muovi rapidamente i fianchi da un lato all’altro come se avessi una coda. Respira lentamente e profondamente, anche se il movimento è veloce. Continua per 1-3 minuti.

Siedi in posizione comoda e inclinati indietro di sessanta gradi. Incrocia le braccia sul petto all’altezza del diaframma. Tieni il collo dritto con il mento tirato verso il petto e ruota le spalle in avanti. Respira lentamente e profondamente coordinando il respiro con il movimento. Continua per 1-3 minuti.

Nella posizione del bambino, porta entrambe le mani sulla parte bassa della schiena e intreccia le dita. Se puoi solleva le braccia verso la testa, senza forzare troppo ma aprendo bene il petto. Respira lentamente e profondamente. Continua per 1-3 minuti.

Incrocia le gambe nella posizione del loto e, mantenendo le gambe incrociate, appoggiati sui gomiti. Respira lentamente e profondamente. Continua per 1-3 minuti.

Allunga le gambe davanti a te e afferra le dita dei piedi o, in base alla flessibilità della tua schiena, le caviglie oppure metti le mani sotto ai polpacci. Inspira e allungati in avanti e verso il basso, espira e torna nella posizione di partenza. Esegui questo movimento rapidamente solo 4-11 volte.

Siedi in posizione comoda, con le mani nel mudra della preghiera al centro del petto. Porta il focus degli occhi sulla punta del naso. Tieni il mento basso, il petto in fuori e il collo dritto. Pompa il punto dell’ombelico e immagina 30 trilioni di punti di luce dentro e intorno a te. Continua per 1-3 minuti.

Per finire: inspira profondamente, trattieni il respiro e stringi tutti i muscoli del corpo. Trattieni il respiro per 10 secondi e poi espira attraverso la bocca in modo esplosivo come fosse lo sparo di un cannone. Ripeti altre 2 volte e rilassati.

Gian Maria Turi

Brahman Sat Jagan Sat

Data

10/01/2017

Tags

kriya, posizioni, yoga